martedì 17 aprile 2012

Noi non siamo mantenuti dal partito




Noi non siamo mantenuti dal partito 
Noi non siamo funzionari di partito che elaborano diktat per sport, e del resto i funzionari sono anche mantenuti dal partito mentre da noi avviene il contrario, siamo noi che lo finanziamo. Noi di fronte ad ogni questione politica ci facciamo garanti dello Statuto e del Programma e ci assumiamo la responsabilità delle scelte con le quali proponiamo DA nella società civile. Il Partito significa già farsi interpreti della volontà della base rinnovando nelle assemblee annuali le prospettive politiche dell'anno successivo. "in Democrazia tutti i Candidati e gli Eletti devono essere liberi di proporre qualsiasi idea/programma che non sia in conflitto con lo spirito dello Statuto o con il Programma Politico ufficiale" infatti noi il programma lo abbiamo scritto e le idee e le proposte che non sono in conflitto e che ci vengono presentate, vengono vagliate e scartate solo se sono incompatibili o se reputiamo che siano inutili dispendi di energie. La valutazione, che ci piaccia o no, è prerogativa di chi ha la rappresentanza interna. E' democratico proporre le scuole di tango, è inutile che lo faccia una forza politica, è naturale che sia una segreteria politica ad escluderle dalle proprie priorità anche se in linea teorica non sono in contrasto con lo Statuto. Per quanto attiene alla possibilità di candidarsi, chi volesse farlo da indipendente avanzerebbe una legittima richiesta, ma a DA non interessano candidati indipendenti, DA per statuto candida solo tesserati e non abbiamo intezione di modificare lo Statuto. Tutti gli altri partiti presenti in Parlamento hanno sempre candidato degli indipendenti, è legittimo e democratico ma è altrettanto legittimo e democratico che DA abbia scelto un'altra modalità, per meglio perseguire il Progresso Democratico. La Costituzione italiana prevede un sistema democratico che può fare a meno della democrazia diretta ma non può fare a meno dei partiti, l'ultimo dei costituzionalisti potrà confermarlo. La vera sfida è rendere i Partiti degni della funzione che la Costituzione gli ha assegnato. Noi con DA ci stiamo provando.
Segreteria Nazionale di Democrazia Atea