martedì 17 luglio 2012

Perchè? Perchè? Perchè?



Perchè il Presidente della fondazione Carisa deve essere il difensore dei Fotia? Abbondanza: “... alle 9:15 nel verbale d'udienza, steso dall'avv. Roberto Romani - presidente della Fondazione Carisa che l'11 luglio ha inaugurato, con il sindaco Berruti ed il segretario provinciale del PD Di Tullio, la Festa del PD savonese, e qui quale legale della Scavo Ter (società interdetta dai Pubblici Appalti) dei Fotia....”



Capita che rileggendo un pezzo lungo e complesso salti all’occhio tra le righe una notizia che ha dello stravolgente, di quelle che devi rileggere un paio di volte prima di renderti conto che si, i nomi sono quelli, le cariche anche e così pure i personaggi della vicenda.

Ci capita rileggendo il servizio di Casa della Legalità titolato “Cronaca di una censura...” del 12 luglio 2012.

Christian Abbondanza inizia narrando le sue peripezie col traffico per raggiungere il Tribunale di

Savona ove ha un'udienza. Crediamo di aver capito male ma ci imbattiamo in questo paragrafo:

“... alle 9:15 nel verbale d'udienza, steso dall'avv. Roberto ROMANI - presidente della Fondazione CARISA che l'11 luglio ha inaugurato, con il sindaco BERRUTI ed il segretario provinciale del Pd DI TULLIO, la Festa del PD savonese, e qui quale legale della SCAVO TER (società interdetta dai Pubblici Appalti) dei Fotia....”

Ma come? un neoeletto presidente di uno dei centri del potere economico di Savona difende Scavoter contro le dichiarazioni (che ci paiono fondate) di una Onlus?
Ma come? (di nuovo) banalissime ragioni di opportunità dovrebbero suggerire al Professionista, peraltro molto in vista a Savona dopo il suo incarico alla Fondazione De Mari nello stare discosto da certe vicende che comunque hanno a che fare con movimento di denaro e affini.

Poi certo, si può capire l’avvocato, che ritiene una causa tecnicamente interessante; ma ciò oggettivamente, nella massima buona fede, non basta a dare compimento ad un mandato così da quella carica. Perchè questa circostanza, per noialtri mortali comuni, getta una serie di ombre trasversali che ci ricordano i sindaci e revisori di Scavoter ai tempi di Dumper che avevano incarichi di tutto rilievo nel tessuto sociale savonese.
E allora Perchè. Perchè. Perchè il presidente della prima cassa di risparmio della provincia deve infilarsi in una storia come questa. Perchè?

Ci auguriamo che sia lui stesso a darci una risposta, se vorrà. La nostra domanda ci pare giornalisticamente corretta e più che legittima.

Ora, aspettiamo notizie.



Fonte Savonanews