mercoledì 13 marzo 2013

La petizione "CHIEDIAMO AL NUOVO PAPA MISURE CONCRETE, SUBITO!"

Al nuovo papa: la pietra al collo sui preti pedofili

"CHIEDIAMO AL NUOVO PAPA MISURE CONCRETE, SUBITO!"
LA SICUREZZA DEI BAMBINI DEVE ESSERE L'IMPEGNO PRIMARIO.
APERTURA DEGLI ARCHIVI SEGRETI, OBBLIGO DI DENUNCIA ALLE AUTORITA' CIVILI, SOSTEGNO PER LE VITTIME, MASSIMA TUTELA E PREVENZIONE, TRASPARENZA NON OMERTA'.
Chiediamo un atto CONCRETO e CREDIBILE da parte della CHIESA volto a garantire la sicurezza DOVEROSA di milioni di bambini che quotidianamente vengono affidati alle parrocchie. 
I preti NON SONO TUTTI PEDOFILI, ma il sistema attuale permette che un solo prete pedofilo lasciato libero di agire in una parrocchia produca decine di vittime.
Le statistiche dicono che un sacerdote pedofilo produce un numero di vittime 50-70 volte superiore a quelle di un pedofilo laico. I motivi sono elementari, le parrocchie sono affollate di bambini, di conseguenza il contatto è maggiore, le coperture sono sistematiche e garantiscono sicurezza solo al pedofilo e non alle potenziali vittime.
I sacerdoti denunciano i colleghi pedofili ai loro Vescovi i quali ancora oggi non hanno l'obbligo di denunciare alle autorità civili. La mancanza di questo obbligo rende le parrocchie LUOGHI NON SICURI. Accade sistematicamente che chi dovrebbe denunciare preferisca alla sicurezza dei minori, il buon nome della chiesa a danno degli stessi.
PER INTERROMPERE QUESTO MECCANISMO BASTA CHE LA CHIESA INSERISCA L'OBBLIGO DI DENUNCIA, NON LASCIANDO PIU A VESCOVI E CARDINALI LA FACOLTA' DELL'OMERTA'.

Francesco Zanardi