sabato 25 maggio 2013

LA STAMPA ITALIANA HA CENSURATO LA MIA CONFERENZA CON KEVIN ANNETT, IN COMPENSO ANONIMUS CI HA PUBBLICATI IN TUTTO IL MONDO

Heir Harper is accomplice to these crimes and guilty of obstruction.
An ITCCS Special report - Friday, May 24, 2013

New Alliance is Forged in Italy to Stop Child Rape and Trafficking -
Joint Campaign to Commence in Rome on September 20

http://www.vaticancrimes.us/2013/05/media-statement-from-kevin-annett.html

Savona, Italy

At an historic press conference yesterday, two groups fighting to end church terror against children formally joined forces and announced the launching of a public campaign commencing in Rome on September 20.

Francesco Zanardi of Rete L'Abuso and Kevin Annett of The International Tribunal into Crimes of Church and State (ITCCS) disclosed their joint campaign to Italian reporters and activists at a morning press conference in the northern Italian city of Savona.

"We want to not only prosecute the priests who rape childen but change the laws that let them get away with it" explained Francesco Zanardi, to thunderous applause.

Zanardi is himself a survivor of serial rape during the 1980's by a Catholic priest namd Nello Giraudo, who was protected and aided by Cardinal Domenico Calcagno.

Calcagno is now a prominent official in the Vatican Bank and helped elect the present Pope Francis.

"The Lateran Treaty obligates Italy to help the Vatican commit crime. That Treaty has to go" said Zanardi.

On behalf of the ITCCS, Kevin Annett also spoke at the press conference, and pledged the Tribunal's "total support" to Zanardi and Rete L'Abuso.

Annett presented an authorized letter to Zanardi from the Central Office of the ITCCS that formally affiliated the Tribunal with the Italian group and guaranteed "direct action" throughout Italy in September.

"The Italian government helps a convicted criminal like (former Pope) Joseph Ratzinger evade arrest inside the Vatican, while persecuting a brave and honest man like Francesco Zanardi" said Annett.

"We've written to Italian President Giorgio Napolitano and demanded that he abide by international law and extradite Ratzinger from the Vatican to face justice for helping traffic children to priestly rapists".

In a bilingual statement released to the media (see link below), the ITCCS stated that unless the Italian government begins steps to extradite Ratzinger and revoke the Lateran Treaty with the Vatican, civil disobedience actions will begin in Italian catholic churches and four cities on September 20, and will be accompanied by an internationl boycott campaign against Italian goods, trade and tourism.

Citizen groups in Savona, Genoa, Reggio Emilia and Rome have agreed to participate in these actions.

Kevin Annett will return to Italy in mid September to help inaugurate the campaign with Francesco Zanardi and local activists at special events in Rome and Savona on September 20.

See www.itccs.org for more updates and information, and write to this email to contact Francesco Zanardi and Rete L'Abuso.

http://www.vaticancrimes.us/2013/05/media-statement-from-kevin-annett.html
--

See the evidence of Genocide in Canada and other crimes against the innocent atwww.hiddennolonger.com and at the websites of The International Tribunal into Crimes of Church and State at www.itccs.org and www.itccs.tv .

An International, multi-lingual ITCCS site can be found at:http://kevinannettinternational.blogspot.fr/

The complete Common Law Court proceedings of Genocide in Canada are found at:

https://www.youtube.com/watch?v=UvhfXAd08TE - Common Law Court Proceedings - Genocide in Canada (Part One) - 1 hr. 46 mins.

https://www.youtube.com/watch?v=OPKFk_L7y9g - Common Law Court Proceedings - Genocide in Canada (Part Two) - 1 hr. 47 mins.

https://www.youtube.com/watch?v=ormOIlOi4Vc - Final Court Verdict and Sentencing - 8 mins. 30 secs.

https://www.youtube.com/watch?v=IylfBxm3sMg - Authorizations and Endorsements of ITCCS/Kevin Annett by indigenous eyewitnesses - 10 mins.

https://www.youtube.com/watch?v=CReISnQDbBE - Irene Favel, Eyewitness to the incineration of a newborn baby by a priest at Muscowegan Catholic Indian school, Saskatchewan, 1944

https://www.youtube.com/watch?v=RBUd3UXt6fI - Other key testimonies from our Court case against genocide in Canada

Kevin Annett is a Nominee for the Nobel Peace Prize (2013). Messages for him can be left at 250-591-4573 (Canada) or 386-323-5774 (USA).

LA STAMPA ITALIANA HA CENSURATO LA MIA CONFERENZA CON KEVIN ANNETT, IN COMPENSO ANONIMUS CI HA PUBBLICATI IN TUTTO IL MONDO

Heir Harper is accomplice to these crimes and guilty of obstruction.
An ITCCS Special report - Friday, May 24, 2013

New Alliance is Forged in Italy to Stop Child Rape and Trafficking -
Joint Campaign to Commence in Rome on September 20

http://www.vaticancrimes.us/2013/05/media-statement-from-kevin-annett.html

Savona, Italy

At an historic press conference yesterday, two groups fighting to end church terror against children formally joined forces and announced the launching of a public campaign commencing in Rome on September 20.

Francesco Zanardi of Rete L'Abuso and Kevin Annett of The International Tribunal into Crimes of Church and State (ITCCS) disclosed their joint campaign to Italian reporters and activists at a morning press conference in the northern Italian city of Savona.

"We want to not only prosecute the priests who rape childen but change the laws that let them get away with it" explained Francesco Zanardi, to thunderous applause.

Zanardi is himself a survivor of serial rape during the 1980's by a Catholic priest namd Nello Giraudo, who was protected and aided by Cardinal Domenico Calcagno.

Calcagno is now a prominent official in the Vatican Bank and helped elect the present Pope Francis.

"The Lateran Treaty obligates Italy to help the Vatican commit crime. That Treaty has to go" said Zanardi.

On behalf of the ITCCS, Kevin Annett also spoke at the press conference, and pledged the Tribunal's "total support" to Zanardi and Rete L'Abuso.

Annett presented an authorized letter to Zanardi from the Central Office of the ITCCS that formally affiliated the Tribunal with the Italian group and guaranteed "direct action" throughout Italy in September.

"The Italian government helps a convicted criminal like (former Pope) Joseph Ratzinger evade arrest inside the Vatican, while persecuting a brave and honest man like Francesco Zanardi" said Annett.

"We've written to Italian President Giorgio Napolitano and demanded that he abide by international law and extradite Ratzinger from the Vatican to face justice for helping traffic children to priestly rapists".

In a bilingual statement released to the media (see link below), the ITCCS stated that unless the Italian government begins steps to extradite Ratzinger and revoke the Lateran Treaty with the Vatican, civil disobedience actions will begin in Italian catholic churches and four cities on September 20, and will be accompanied by an internationl boycott campaign against Italian goods, trade and tourism.

Citizen groups in Savona, Genoa, Reggio Emilia and Rome have agreed to participate in these actions.

Kevin Annett will return to Italy in mid September to help inaugurate the campaign with Francesco Zanardi and local activists at special events in Rome and Savona on September 20.

See www.itccs.org for more updates and information, and write to this email to contact Francesco Zanardi and Rete L'Abuso.

http://www.vaticancrimes.us/2013/05/media-statement-from-kevin-annett.html
--

See the evidence of Genocide in Canada and other crimes against the innocent atwww.hiddennolonger.com and at the websites of The International Tribunal into Crimes of Church and State at www.itccs.org and www.itccs.tv .

An International, multi-lingual ITCCS site can be found at:http://kevinannettinternational.blogspot.fr/

The complete Common Law Court proceedings of Genocide in Canada are found at:

https://www.youtube.com/watch?v=UvhfXAd08TE - Common Law Court Proceedings - Genocide in Canada (Part One) - 1 hr. 46 mins.

https://www.youtube.com/watch?v=OPKFk_L7y9g - Common Law Court Proceedings - Genocide in Canada (Part Two) - 1 hr. 47 mins.

https://www.youtube.com/watch?v=ormOIlOi4Vc - Final Court Verdict and Sentencing - 8 mins. 30 secs.

https://www.youtube.com/watch?v=IylfBxm3sMg - Authorizations and Endorsements of ITCCS/Kevin Annett by indigenous eyewitnesses - 10 mins.

https://www.youtube.com/watch?v=CReISnQDbBE - Irene Favel, Eyewitness to the incineration of a newborn baby by a priest at Muscowegan Catholic Indian school, Saskatchewan, 1944

https://www.youtube.com/watch?v=RBUd3UXt6fI - Other key testimonies from our Court case against genocide in Canada

Kevin Annett is a Nominee for the Nobel Peace Prize (2013). Messages for him can be left at 250-591-4573 (Canada) or 386-323-5774 (USA).

Don Gallo, pugni chiusi e Bella Ciao ai funerali. Bagnasco interrotto dai fischi

Genova si ferma per l'ultimo saluto a Don Andrea Gallo nella chiesa del Carmine.Un grande applauso sulle note di "Bella Ciao" ha accolto il feretro all'uscita della comunità di San Benedetto al Porto da dove è partito il corteo funebre per il 'prete di strada'. Tra i presenti Don Ciotti, Dori Ghezzi, Moni Ovadia, Maurizio Landini. Interrotta l'omelia di Bagnasco (VIDEO)

I funerali di don Andrea Gallo, il "prete di strada" scomparso mercoledì nella sua comunità di San Benedetto al Porto di Genova, si sono conclusi intorno alle 13 con un emozionante intervento del fondatore di Libera e grande amico del sacerdote genovese, don Luigi Ciotti.

All'esterno della Chiesa del Carmine gremita in ordine di posto migliaia di persone hanno atteso la fine della cerimonia funebre e hanno accolto l'uscita del feretro con un lungo applauso. Sul sagrato della chiesa sono in corso le orazioni laiche del sindaco di Genova, Marco Doria, e dell'attore-scrittore Moni Ovadia, altro grande amico di don Gallo.

Il feretro di Don Andrea Gallo è stato accolto nella Chiesa del Carmine di Genova, al termine del corteo funebre, da un lungo applauso. Durante il corteo, centinaia di persone hanno intonato 'Bella ciao', per ricordare l'impegno partigiano di Don Gallo.

FISCHI CONTRO BAGNASCO
DURANTE FUNERALE

Fischi contro il cardinale Angelo Bagnasco durante il funerale di Don Andrea Gallo. Alcuni secondi di fischi sono scattati quando il cardinale ha iniziato a parlare dell'attività di don Gallo alla chiesa del Carmine, da cui il parroco venne allontanato. Alcuni minuti dopo, durante l'omelia, la piazza ha iniziato a cantare a gran voce Bella ciao. Poi le grida: «Vergogna vergogna!».
A provocare la protesta, dentro e fuori la Chiesa del Carmine, il passaggio in cui il porporato ha detto: «Don Gallo bussò alla porta del cardinale Siri, che Andrea ha sempre considerato un padre e un benefattore». Il cardinale Siri infatti allontanò Don Gallo dalla Chiesa del Carmine e solo dopo il 'prete di strada' venne accolto dal parroco di San Benedetto, Don Federico Rebora, e iniziò la sua opera per la Comunità.
Durante l'interruzione, è intervenuta la segretaria di Don Gallo Lilli che ha chiesto scusa al cardinale Bagnasco e ha cercato di riportare la calma nella chiesa per far ricominciare l'omelia. Nel silenzio, Bagnasco ha ricominciato a parlare ma ha concluso velocemente l'omelia.

FONTE
 

Don Gallo, pugni chiusi e Bella Ciao ai funerali. Bagnasco interrotto dai fischi

Genova si ferma per l'ultimo saluto a Don Andrea Gallo nella chiesa del Carmine.Un grande applauso sulle note di "Bella Ciao" ha accolto il feretro all'uscita della comunità di San Benedetto al Porto da dove è partito il corteo funebre per il 'prete di strada'. Tra i presenti Don Ciotti, Dori Ghezzi, Moni Ovadia, Maurizio Landini. Interrotta l'omelia di Bagnasco (VIDEO)

I funerali di don Andrea Gallo, il "prete di strada" scomparso mercoledì nella sua comunità di San Benedetto al Porto di Genova, si sono conclusi intorno alle 13 con un emozionante intervento del fondatore di Libera e grande amico del sacerdote genovese, don Luigi Ciotti.

All'esterno della Chiesa del Carmine gremita in ordine di posto migliaia di persone hanno atteso la fine della cerimonia funebre e hanno accolto l'uscita del feretro con un lungo applauso. Sul sagrato della chiesa sono in corso le orazioni laiche del sindaco di Genova, Marco Doria, e dell'attore-scrittore Moni Ovadia, altro grande amico di don Gallo.

Il feretro di Don Andrea Gallo è stato accolto nella Chiesa del Carmine di Genova, al termine del corteo funebre, da un lungo applauso. Durante il corteo, centinaia di persone hanno intonato 'Bella ciao', per ricordare l'impegno partigiano di Don Gallo.

FISCHI CONTRO BAGNASCO
DURANTE FUNERALE

Fischi contro il cardinale Angelo Bagnasco durante il funerale di Don Andrea Gallo. Alcuni secondi di fischi sono scattati quando il cardinale ha iniziato a parlare dell'attività di don Gallo alla chiesa del Carmine, da cui il parroco venne allontanato. Alcuni minuti dopo, durante l'omelia, la piazza ha iniziato a cantare a gran voce Bella ciao. Poi le grida: «Vergogna vergogna!».
A provocare la protesta, dentro e fuori la Chiesa del Carmine, il passaggio in cui il porporato ha detto: «Don Gallo bussò alla porta del cardinale Siri, che Andrea ha sempre considerato un padre e un benefattore». Il cardinale Siri infatti allontanò Don Gallo dalla Chiesa del Carmine e solo dopo il 'prete di strada' venne accolto dal parroco di San Benedetto, Don Federico Rebora, e iniziò la sua opera per la Comunità.
Durante l'interruzione, è intervenuta la segretaria di Don Gallo Lilli che ha chiesto scusa al cardinale Bagnasco e ha cercato di riportare la calma nella chiesa per far ricominciare l'omelia. Nel silenzio, Bagnasco ha ricominciato a parlare ma ha concluso velocemente l'omelia.

FONTE
 

venerdì 24 maggio 2013

Kevin Annett Francesco Zanardi. Conferenza stampa Savona 23-05-2013


COMUNICATO STAMPA DI KEVIN ANNETT, SEGRETARIO DEL TRIBUNALE INTERNAZIONALE SUI CRIMINI DELLA CHIESA E DELLO STATO

23 di maggio del 2013
Savona, Italia

Buongiorno. Il mio nome é Kevin Annett e sono il Segretario del Tribunale Internazionale sui Crimini della Chiesa e dello Stato, conosciuto come ITCCS, che rappresenta piú di cinquanta organizzazioni di sopravvissuti alla tortura in nove paesi, compresa l’Italia.

É un onore per me essere qui presente oggi con Francesco Zanardi e l’organizzazione Rete L'Abuso, grato per l’invito ad unirmi a loro in una storica campagna per fermare per sempre la tortura religiosa sui bambini. Da anni,  Francesco ha condotto una lotta eroica qui in Italia per le stesse cose per le quali il Tribunale sta facendo oggi una campagna: per ottenere, mediante la divulgazione degli atti di tortura sui bambini da parte della Chiesa Cattolica Romana, di portare i responsabili davanti alla giustizia. Spero vivamente poter lavorare con Francesco e molte altre persone in Italia nei prossimi mesi.

Sono stato autorizzato dall’Ufficio Centrale del ITCCS ad emettere la seguente dichiarazione pubblica:

1. Come Tribunale di Coscienza Cittadina, sotto la copertura del diritto internazionale, esortiamo il presidente italiano Giorgio Napolitano a chiedere l’estradizione immediata dal Vaticano e l’arresto del ex Papa Benedetto XVI, Joseph Ratzinger, per il fatto che Ratzinger é un latitante ed un criminale ricercato che é stato debitamente dichiarato colpevole di crimini contro l’umanitá il 25 di febbraio del 2013 da un Tribunale di Giustizia di Diritto Internazionale.

2. Esortiamo, inoltre, il presidente Napolitano ed il suo governo a compiere con lo Statuto di Roma della Corte Criminale Internazionale nel cessare qualunque aiuto aggiuntivo, esenzioni fiscali o sussidi finanziari ad un’organizzazione colpevole di crimini contro l’umanitá ed i bambini, chiamata Vaticano, e di cancellare ed annullare il cosiddetto “Patto Lateranense” tra il Governo d’ Italia ed il Vaticano.

3. Se il presidente Napolitano non compie con le leggi internazionali e si nega a prendere queste misure, il Tribunale, le sue filiali internazionali e cittadini italiani daranno inizio ad un boicottaggio internazionale dei beni italiani, il commercio ed il turismo ed, in Italia, cominceremo occupazioni pacifiche di chiese, arresti civili ed altre azioni dirette contro il Vaticano ed i suoi funzionari. Questa campagna inizierá il 20 di settembre del 2013, giorno del 143º anniversario della liberazione garibaldina di Roma e dell’espulsione del papato.

4. L’obiettivo di questa campagna sará quello di far compiere il verdetto legale della Corte Internazionale di Diritto Comune di Giustizia del 25 di febbraio del 2013, che ha condannato trenta funzionari della chiesa e dello stato per genocidio e cospirazione criminale, tra loro il Papa Benedetto XVlI ed alti cardinali Cattolici. (vedi www.itccs.org). Questo verdetto ha condannato questi funzionari all’arresto inmediato e a prigionia per un periodo di venticinque anni, oltre al sequestro dei beni e delle proprietá della chiesa.

5. Il Vaticano e la Chiesa Cattolica rappresentano un pericolo chiaro e presente per i bambini di tutto il mondo, dovuto alla loro politica vigente conosciuta come “Crimen Sollicitationis”, che protegge attivamente gli abusatori di bambini nella chiesa e sovverte la giustizia e le leggi di protezione dei minori in altre nazioni. Il Papa attuale, Francesco, é complice attivo in questi crimini di guerra per la sua posizione di capo della Chiesa di Roma e per le sue implicazioni personali in questo genere di delitti in Argentina. Per questa legge, il  Vaticano si costituisce come una cospirazione criminale globale che muove una guerra permanente contro i bambini, la sovranitá e le leggi di tutte le nazioni e, in base alla Legge delle Nazioni (ius gentium), deve essere combattuto e ostacolato e deve essere ristretto il suo potere per il benessere delle persone in tutto il mondo.

Il ITCCS ed i suoi affiliati ed alleati in altri governi si sono compromessi a farlo. Pertanto chiediamo a tutti i cittadini d’Italia di ritirare il loro fondi e la loro lealtá dalla Chiesa Cattolica Romana, per esigere che il presidente Napolitano chieda l’estradizione di Joseph Ratzinger e l’annullamento dei Patti Lateranensi, e che si unisca alla nostra campagna del 20 di settembre per mettere fine per sempre alle azioni criminali della Chiesa di Roma.

Facciamo anche una richiesta formale alle forze di polizia d’Italia, che aiutino i cittadini italiani nel proteggere i loro figli e le loro comunitá dagli abusatori di bambini del clero cattolico, arrestando quei depredatori conosciuti o sospetti, e negandosi in aiutare o assistere la Chiesa Cattolica ed i suoi funzionari nello sfuggire alla giustizia o al giudizio per i loro crimini.

Il Governo d’ Italia ed il presidente Napolitano hanno tempo fino al 20 di settembre del 2013 per rispondere a questa dichiarazione e compiere con queste richieste, e ad una comunicazione registrata che é stata inviata all’Ufficio del Presidente e al Parlamento d’ Italia.

Pubblicato il 23 di maggio del 2013 dall’ufficio centrale del ITCCS, in Bruxelles.


Kevin Annett Francesco Zanardi. Conferenza stampa Savona 23-05-2013


COMUNICATO STAMPA DI KEVIN ANNETT, SEGRETARIO DEL TRIBUNALE INTERNAZIONALE SUI CRIMINI DELLA CHIESA E DELLO STATO

23 di maggio del 2013
Savona, Italia

Buongiorno. Il mio nome é Kevin Annett e sono il Segretario del Tribunale Internazionale sui Crimini della Chiesa e dello Stato, conosciuto come ITCCS, che rappresenta piú di cinquanta organizzazioni di sopravvissuti alla tortura in nove paesi, compresa l’Italia.

É un onore per me essere qui presente oggi con Francesco Zanardi e l’organizzazione Rete L'Abuso, grato per l’invito ad unirmi a loro in una storica campagna per fermare per sempre la tortura religiosa sui bambini. Da anni,  Francesco ha condotto una lotta eroica qui in Italia per le stesse cose per le quali il Tribunale sta facendo oggi una campagna: per ottenere, mediante la divulgazione degli atti di tortura sui bambini da parte della Chiesa Cattolica Romana, di portare i responsabili davanti alla giustizia. Spero vivamente poter lavorare con Francesco e molte altre persone in Italia nei prossimi mesi.

Sono stato autorizzato dall’Ufficio Centrale del ITCCS ad emettere la seguente dichiarazione pubblica:

1. Come Tribunale di Coscienza Cittadina, sotto la copertura del diritto internazionale, esortiamo il presidente italiano Giorgio Napolitano a chiedere l’estradizione immediata dal Vaticano e l’arresto del ex Papa Benedetto XVI, Joseph Ratzinger, per il fatto che Ratzinger é un latitante ed un criminale ricercato che é stato debitamente dichiarato colpevole di crimini contro l’umanitá il 25 di febbraio del 2013 da un Tribunale di Giustizia di Diritto Internazionale.

2. Esortiamo, inoltre, il presidente Napolitano ed il suo governo a compiere con lo Statuto di Roma della Corte Criminale Internazionale nel cessare qualunque aiuto aggiuntivo, esenzioni fiscali o sussidi finanziari ad un’organizzazione colpevole di crimini contro l’umanitá ed i bambini, chiamata Vaticano, e di cancellare ed annullare il cosiddetto “Patto Lateranense” tra il Governo d’ Italia ed il Vaticano.

3. Se il presidente Napolitano non compie con le leggi internazionali e si nega a prendere queste misure, il Tribunale, le sue filiali internazionali e cittadini italiani daranno inizio ad un boicottaggio internazionale dei beni italiani, il commercio ed il turismo ed, in Italia, cominceremo occupazioni pacifiche di chiese, arresti civili ed altre azioni dirette contro il Vaticano ed i suoi funzionari. Questa campagna inizierá il 20 di settembre del 2013, giorno del 143º anniversario della liberazione garibaldina di Roma e dell’espulsione del papato.

4. L’obiettivo di questa campagna sará quello di far compiere il verdetto legale della Corte Internazionale di Diritto Comune di Giustizia del 25 di febbraio del 2013, che ha condannato trenta funzionari della chiesa e dello stato per genocidio e cospirazione criminale, tra loro il Papa Benedetto XVlI ed alti cardinali Cattolici. (vedi www.itccs.org). Questo verdetto ha condannato questi funzionari all’arresto inmediato e a prigionia per un periodo di venticinque anni, oltre al sequestro dei beni e delle proprietá della chiesa.

5. Il Vaticano e la Chiesa Cattolica rappresentano un pericolo chiaro e presente per i bambini di tutto il mondo, dovuto alla loro politica vigente conosciuta come “Crimen Sollicitationis”, che protegge attivamente gli abusatori di bambini nella chiesa e sovverte la giustizia e le leggi di protezione dei minori in altre nazioni. Il Papa attuale, Francesco, é complice attivo in questi crimini di guerra per la sua posizione di capo della Chiesa di Roma e per le sue implicazioni personali in questo genere di delitti in Argentina. Per questa legge, il  Vaticano si costituisce come una cospirazione criminale globale che muove una guerra permanente contro i bambini, la sovranitá e le leggi di tutte le nazioni e, in base alla Legge delle Nazioni (ius gentium), deve essere combattuto e ostacolato e deve essere ristretto il suo potere per il benessere delle persone in tutto il mondo.

Il ITCCS ed i suoi affiliati ed alleati in altri governi si sono compromessi a farlo. Pertanto chiediamo a tutti i cittadini d’Italia di ritirare il loro fondi e la loro lealtá dalla Chiesa Cattolica Romana, per esigere che il presidente Napolitano chieda l’estradizione di Joseph Ratzinger e l’annullamento dei Patti Lateranensi, e che si unisca alla nostra campagna del 20 di settembre per mettere fine per sempre alle azioni criminali della Chiesa di Roma.

Facciamo anche una richiesta formale alle forze di polizia d’Italia, che aiutino i cittadini italiani nel proteggere i loro figli e le loro comunitá dagli abusatori di bambini del clero cattolico, arrestando quei depredatori conosciuti o sospetti, e negandosi in aiutare o assistere la Chiesa Cattolica ed i suoi funzionari nello sfuggire alla giustizia o al giudizio per i loro crimini.

Il Governo d’ Italia ed il presidente Napolitano hanno tempo fino al 20 di settembre del 2013 per rispondere a questa dichiarazione e compiere con queste richieste, e ad una comunicazione registrata che é stata inviata all’Ufficio del Presidente e al Parlamento d’ Italia.

Pubblicato il 23 di maggio del 2013 dall’ufficio centrale del ITCCS, in Bruxelles.


Lettera di supporto ITCCS consegnata da Kevin Annett al Portavoce di Rete L'ABUSO Francesco Zanardi

23 maggio 2013
A: Francesco Zanardi, Rete L’Abuso (Savona)

A nome del Comitato Esecutivo del Tribunale Internazionale sui Crimini della Chiesa e dello Stato (ITCCS) dichiaro che tale Tribunale appoggia formalmente la sua opera e la sua campagna in Italia, offrendo il pieno sostegno ai sui sforzi e obbiettivi.

La ITCCS lavorerà attivamente per sostenere il suo operato in tutto il mondo e si schiererà al suo fianco in Italy per fermare per sempre stupri, torture e traffico di bambini da parte della Chiesa Cattolica Romana.

Ad oggi, la ITCCS accoglie ufficialmente lei e la rete L’Abuso nella nostra coalizione di oltre cinquanta organizzazioni in nove paesi.

Spero di iniziare al più presto azioni congiunte con Lei e la rete L’Abuso in Italia.

Un oltraggio fatto ad uno è un oltraggio fatto a tutti.

Con solidarietà,

Kevin D. Annett
ITCCS Field Secretary


Lettera di supporto ITCCS consegnata da Kevin Annett al Portavoce di Rete L'ABUSO Francesco Zanardi

23 maggio 2013
A: Francesco Zanardi, Rete L’Abuso (Savona)

A nome del Comitato Esecutivo del Tribunale Internazionale sui Crimini della Chiesa e dello Stato (ITCCS) dichiaro che tale Tribunale appoggia formalmente la sua opera e la sua campagna in Italia, offrendo il pieno sostegno ai sui sforzi e obbiettivi.

La ITCCS lavorerà attivamente per sostenere il suo operato in tutto il mondo e si schiererà al suo fianco in Italy per fermare per sempre stupri, torture e traffico di bambini da parte della Chiesa Cattolica Romana.

Ad oggi, la ITCCS accoglie ufficialmente lei e la rete L’Abuso nella nostra coalizione di oltre cinquanta organizzazioni in nove paesi.

Spero di iniziare al più presto azioni congiunte con Lei e la rete L’Abuso in Italia.

Un oltraggio fatto ad uno è un oltraggio fatto a tutti.

Con solidarietà,

Kevin D. Annett
ITCCS Field Secretary


mercoledì 22 maggio 2013

messe nere sulla riviera ligure

LA RECENTE STORIA LIGURE CHE RISALE A UN CENTINAIO DI ANNI FA, DAL DIARIO DI ALESSANDRO BESSON, UNO STUDENTE QUATTORDICENNE CHE RACCONTA CIO' CHE ACCADEVA NEL COLLEGIO SALESIANO DI VARAZZE.
Varazze, luglio 1907. Mentre sui quotidiani italiani divampa lo scandalo degli abusi sulle piccole ospiti dell'Asilo della Consolata di Milano, di cui furono accusati due sacerdoti, il Collegio dei Salesiani della cittadina ligure è investito dalle clamorose rivelazioni del diario di Alessandro Besson, uno studente quattordicenne che descrive messe nere e riti orgiastici tra monache, preti e giovani convittori. In due giorni il caso Besson passa dalle gazzette locali ai quotidiani nazionali e fa scoppiare in tutto il Regno d'Italia manifestazioni di piazza, disordini, violenti scontri che a La Spezia provocano l'incendio di alcune chiese, un morto e un centinaio di arresti. E crisi fra il governo Giolitti e la Santa Sede, la Massoneria viene accusata di aver architettato lo scandalo. Il fronte democratico dei blocchi popolari cavalca lo sdegno collettivo per affermare la necessità di una scuola pubblica e laica, mentre quello cattolico si compatta e trova sostegno tra i moderati interessati a contenere l'avanzata socialista. Attraverso questa vicenda, scatenata dal diario Besson, ritrovato e qui reso pubblico, emerge un quadro avvincente e torbido dell'Italia giolittiana. Una storia che vede coinvolti in primo piano il poeta Gian Pietro Lucini, figura chiave della cultura letteraria italiana tra Otto e Novecento, e famosi psichiatri e criminologi come Cesare Lombroso e Enrico Morselli, ricostruita e raccontata questo saggio con minuzia di particolari. Prefazione di Edoardo Sanguineti.
Un pretesto? Anche se Pier Luigi Ferro avesse raccontato lo scandalo Besson soprattutto per proporre una

riconsiderazione delle vicende della storia d'Italia, avrebbe fatto una buona cosa. C'è molto bisogno di conoscere, e riflettere: per esempio, sul rapporto tra stato e chiesa qual era allora e qual è oggi, con equivoci sulla laicità non così sfumati e certo non eliminati. L'opinione pubblica, e non solo le istituzioni come polizia e magistratura, si mostrarono in quella occasione ambigue o almeno volubili. La popolazione di Varazze che accoglie alla stazione come trionfatori i salesiani "vittime" dell'inchiesta è la stessa che in altri momenti si dimostra indignata e quasi pronta alla rivolta. Qualcuno la ha manipolata, ma essa stessa si è lasciata manipolare e si è confusa. Stato e chiesa, giudici e sacerdoti, vittime e carnefici, non sono tanto chiari nella mentalità popolare della cittadina rivierasca. Siamo cambiati, o il grido alla "persecuzione giudiziaria" si è solo spostato a sedi più alte e la manipolazione si serve di mezzi tecnologici nuovi e potentissimi? In realtà Ferro rende un buon servizio al lettore perché fa entrambe le cose, cioè ricostruisce con straordinaria precisione storica e documentaria la scabrosa vicenda e nello stesso tempo usa tutte le occasioni per estendere l'argomento al contesto generale del paese. È un'operazione che richiede cultura e polso, ma Ferro vi riesce assai bene. Mi trovo personalmente ad avere una condizione di osservazione privilegiata, quindi un po' insidiosa, ma assai vicina agli ambienti ricostruiti nel volume. Ho vissuto a Varazze gli anni dell'infanzia e della prima adolescenza. Sono stato alunno esterno, cioè non convittore, del Collegio Don Bosco. Vi si trovava più di un sacerdote a disagio con il problema della castità, in una località frequentata d'estate da una umanità colorata, abbronzata e non di rado in anticipo discinta. Ho sentito a tratti un'aura di ossessione sulla materia della sessualità e sulla figura della donna. Ho avuto conoscenza di atti ambigui nel confessionale o di qualche vischiosa tenerezza verso miei compagni di scuola. Ricordo però anche esortazioni a nobili valori, pratiche sportive, gagliarde uscite degli scout. E begli esempi di fede e carità. Questa digressione per dire che non ho prevenzioni di sorta, ma non sono disposto, proprio per questo, a rifiutare di credere ciò che ha una dignità di prova a proprio sostegno. Non c'è "attacco alla chiesa" se si accusano di pedofilia alcuni sacerdoti. Ciò che è accaduto in tante parti del mondo in questa materia quasi invoca un lavoro come quello di Ferro, gli dà ragione e necessità e al tempo stesso ne riceve un supporto di rigore e ragionevolezza. Dunque: nel primo Novecento, nell'Italia di Giolitti, a Varazze scoppia uno scandalo che ha al centro l'accusa di pedofilia contro i padri salesiani. Un giovane in particolare assume il ruolo di accusatore, sostenuto da una madre che diviene figura da romanzo. E anche sotto il profilo narrativo Ferro sa il fatto suo. Giornali cattolici e liberali pubblicano dettagli scabrosi che anche oggigiorno susciterebbero imbarazzo. Alcuni di loro, con clamoroso voltafaccia, passano dall'indignazione contro i pedofili alla sdegnata accusa verso la cospirazione massonica e anticlericale. Si scopre già allora che l'insabbiamento dei processi è una tecnica fruttuosa, cui giova il trascorrere del tempo con la compagnia dell'oblio nel quale gli italiani sono spesso maestri. Il libro si apre con un prefazione di Edoardo Sanguineti proposta in forma di intervista, che ora colpisce anche per il suono della voce che si è da poco spenta nella morte. Proprio tra le carte di un poeta caro a Sanguineti, Gian Pietro Lucini, è emerso il diario che accusava. Lucini raccolse ampio materiale con il proposito di dedicare un libro alla vicenda. Non lo concluse mai, e tuttavia Ferro non si lascia scappare l'occasione per approfondire accuratamente anche la sua opera e la sua poesia. La notizia giornalistica è di "turpitudini" nel collegio salesiano. Intervengono fulmineamente ed energicamente i carabinieri, interrogano, arrestano, mentre filtrano immagini da lupanare con preti e suore. A Savona e La Spezia si manifesta contro chiese e oratori, ne parlano addirittura i giornali americani. Un giovane muore per lo sparo di un carabiniere preso dal panico durante i disordini. Sta di fatto che nel processo gran parte dei genitori ritirano le querele che erano allora necessarie per perseguire quei reati sessuali. Besson aveva parlato di abusi ma anche di messe nere in un memoriale fantasioso, forse morboso, difficile da valutare. Nonostante la constatazione da parte dei medici legali di lesioni di origine inequivocabile sulle vittime, lo scandalo si dissolse. Tra improcedibilità per remissione di querela, assoluzioni, condanne limitate a un sacerdote frattanto datosi alla fuga e l'allontanamento dello stesso Besson e di sua madre. Ma altri dettagli importanti e singolarmente significativi non stanno in una recensione, che non deve d'altronde anticipare quegli aspetti più "romanzeschi" cui si è accennato. Né si può qui far apprezzare quella ampiezza dell'affresco storico-culturale che la lettura del libro di Ferro fa invece pienamente e utilmente godere. Impossibile nascondere però, proprio per la qualità del testo, il disagio e l'amarezza per certe debolezze della cultura civile e del costume, certe ipocrisie e sopraffazioni che ancora improntano il nostro paese e lo avviliscono e davvero sembrano non passare mai. Adriano Sansa

messe nere sulla riviera ligure

LA RECENTE STORIA LIGURE CHE RISALE A UN CENTINAIO DI ANNI FA, DAL DIARIO DI ALESSANDRO BESSON, UNO STUDENTE QUATTORDICENNE CHE RACCONTA CIO' CHE ACCADEVA NEL COLLEGIO SALESIANO DI VARAZZE.
Varazze, luglio 1907. Mentre sui quotidiani italiani divampa lo scandalo degli abusi sulle piccole ospiti dell'Asilo della Consolata di Milano, di cui furono accusati due sacerdoti, il Collegio dei Salesiani della cittadina ligure è investito dalle clamorose rivelazioni del diario di Alessandro Besson, uno studente quattordicenne che descrive messe nere e riti orgiastici tra monache, preti e giovani convittori. In due giorni il caso Besson passa dalle gazzette locali ai quotidiani nazionali e fa scoppiare in tutto il Regno d'Italia manifestazioni di piazza, disordini, violenti scontri che a La Spezia provocano l'incendio di alcune chiese, un morto e un centinaio di arresti. E crisi fra il governo Giolitti e la Santa Sede, la Massoneria viene accusata di aver architettato lo scandalo. Il fronte democratico dei blocchi popolari cavalca lo sdegno collettivo per affermare la necessità di una scuola pubblica e laica, mentre quello cattolico si compatta e trova sostegno tra i moderati interessati a contenere l'avanzata socialista. Attraverso questa vicenda, scatenata dal diario Besson, ritrovato e qui reso pubblico, emerge un quadro avvincente e torbido dell'Italia giolittiana. Una storia che vede coinvolti in primo piano il poeta Gian Pietro Lucini, figura chiave della cultura letteraria italiana tra Otto e Novecento, e famosi psichiatri e criminologi come Cesare Lombroso e Enrico Morselli, ricostruita e raccontata questo saggio con minuzia di particolari. Prefazione di Edoardo Sanguineti.
Un pretesto? Anche se Pier Luigi Ferro avesse raccontato lo scandalo Besson soprattutto per proporre una

martedì 21 maggio 2013

Marijuana: arrivano i distributori automatici


Protette come una cassaforte, precise come un computer, le rivendite automatiche potrebbero finalmente aggirare gli ostacoli all'acquisto di cannabis per usi medicali.

di Stefania Medetti

Il business della marijuana legalizzata per uso medico potrebbe valere cinque miliardi di dollari entro il 2015. Per capitalizzare l'opportunità negli ormai 18 stati che hanno sdoganato il consumo medicale, sempre più imprenditori si lanciano nell’area dei servizi collegati alla vendita di cannabis. Fra loro, riferisce Business Week , c’è anche Bruce Bedrick, chiropratico 44enne, occasionale consumatore di marijuana e amministratore delegato di Medbox , uno fra i primi distributori automatici di prodotti a base di marijuana. 
Dall’esterno, Medbox assomiglia a un normale distributore, in realtà è un concentrato di tecnologia. Ideato per le strutture autorizzate alla vendita di marijuana, il distributore è protetto contro i furti e le manomissioni ed è dotato di tecnologia biometrica per identificare le impronte digitali dei pazienti che
possono acquistare i prodotti contenuti, solo se autorizzati dallo Stato, che attraverso i medici, riconosce le loro esigenze mediche. I pazienti, dunque, riconosciuti dalle impronte digitali e da un’apposita tessera possono comprare bevande, biscotti, snack e prodotti a base di marijuana. Un computer collegato al distributore registra ogni acquisto, in modo tale che nessun paziente possa acquistare di più di quanto previsto dal suo piano sanitario e, analogamente, i rivenditori non possano utilizzare il prodotto per clienti non autorizzati. Controllando ogni passo della vendita, secondo MedBox, lo stato è messo nella condizione di incassare le relative tasse. «Se si vuole permettere alle persone di consumare marijuana per ragioni sanitarie, allora bisogna fare in modo che il sistema sia organizzato, regolato e tassabile», è la filosofia di Bedrick. Il mercato è potenzialmente immenso, destinato com’è - secondo IbisWorld - , a triplicare in pochi anni le vendite legali che quest’anno dovrebbero toccare 1,7 miliardi di dollari. Il tutto, al netto del giro d’affari dei  prodotti necessari a consumare marijuana, come vaporizzatori o vasi per la cultura idroponica. 
Le cose, in realtà, sono semplici solo in apparenza. Le città, preoccupate di un potenziale incremento del crimine, innalzano barriere legali, ma l’attenzione su questo promettente settore resta alta. Lo scorso novembre, dopo il via libera di Colorado e Washington, la capitalizzazione di Medbox ha toccato due miliardi di dollari, con le azioni schizzate a 205 dollari, salvo tornare a quota 20 dollari il giorno successivo, dopo la dichiarazione di Medbox che l’aumento del valore delle azioni non rifletteva lo scenario del business contingente. L’azienda, che è quotata a Wall Street ma, come se fosse in beta, gode di un regime semplificato, ha chiuso il 2012 con un giro d’affari di 3,5 milioni di dollari e un profitto netto vicino a 328mila dollari. Complessivamente, Medbox ha venduto oltre cento distributori, al prezzo di 200mila dollari l’uno. L’alternativa all’acquisto è il noleggio: la californianaDispense Lab , per esempio, offre in comodato d’uso il proprio distributore che co-fondatore Joe DeRobbio definisce assolutamente a prova di qualsiasi tentativo di furto o scasso. Il distributore può essere noleggiato dalle rivendite sanitarie per circa 200 dollari al mese. 
Rispetto a un rivenditore “umano”, il vantaggio di un distributore si gioca su quattro livelli. In primo luogo, infatti, garantisce maggiore sicurezza, visto che è praticamente una cassaforte con la funzionalità di un distributore. Secondariamente, evita l’esistenza di una transazione commerciale fra due persone, rendendo di fatto non perseguibile il commesso. Terzo: siccome funziona solo per chi è autorizzato al consumo, evita che altre persone possano utilizzarlo per gli acquisti e tiene inoltre traccia delle transazioni commerciali. Infine, la sua semplicità d’uso e la sicurezza dal punto di vista legale potrebbero veramente farne il mezzo in grado disuperare i limiti imposti dai regolamenti. Perchè è vero che sono sempre di più gli stati per cui il consumo per ragioni sanitarie delle marijuana è legale, ma gli ostacoli alla sua piena commercializzazione sono ben lontani dall’essere superati.
FONTE